I grandi scopritori

È solo alla fine del 18esimo secolo che i navigatori francesi e inglesi fanno tappa a Tahiti stabilendo il primo contatto con le isole e il suo popolo.
Alla fine del 18esimo secolo le spedizioni inglesi e francesi (Wallis, Bougainville, Cook, La Perouse ...) hanno visitato il Pacifico con una prospettiva completamente nuova di scoperta e umanesimo e sono state accompagnate da scienziati, botanici, astronomi ....

Ad aprile 1768, dopo il suo passaggio a Tahiti, che ha battezzato "Nouvelle Cythere" Bougainville ha pubblicato un resoconto del suo viaggio che è stato un best seller in buona fede. Ha descritto Tahiti e la vita idilliaca vissuta dai suoi abitanti, creando un mito che ha ispirato numerosi artisti e scrittori, come Denis Diderot e il suo "Supplemento al viaggio di Bougainville".
Questo fu un periodo in cui iniziò il commercio su larga scala e le prime perle e, naturalmente, i primi gusci di questa ostrica, o madreperla, e le sue specificità fecero la loro comparsa sulla scena globale.

Mentre facevano tappa a Tahiti nel 18esimo secolo, i navigatori inglesi e francesi stabilirono i primi contatti e i primi scambi con il mondo polinesiano e i suoi abitanti.